IL TERRITORIO2018-06-05T15:12:26+00:00

Il terreno fertile delle Marche

L’Italia è il primo produttore ed esportatore al mondo del pregiato tartufo bianco, ma nell’intera penisola si trovano tutte le specie che si usano in gastronomia. ItaliaTartufi è collocata in una zona strategica, nelle Marche, al confine tra Umbria, Toscana ed Emilia Romagna, dove è possibile raccogliere ogni specie di tartufo fresco tutto l’anno grazie alla particolare conformazione geografica del terreno, ricco di querce e lecci le cui radici ne favoriscono la crescita spontanea.

A seconda della stagione, in questo splendido territorio si trova:
il Tartufo bianco (Tuber Magnatum Pico) da settembre a dicembre,
il Tartufo uncinato (Tuber Uncinatum Chatin) da ottobre a dicembre,
il Tartufo nero pregiato (Tuber Melanosporum) da novembre a marzo,
il Tartufo moscato (Tuber Brumale varietà Moscatum Ferry) da gennaio a marzo,
il Tartufo bianchetto (Tuber Borchii o Tuber Albidum Pico) da gennaio ad aprile,
il Tartufo estivo (Tuber Aestivum) da maggio ad agosto.

Il terreno fertile delle Marche

L’Italia è il primo produttore ed esportatore al mondo del pregiato tartufo bianco, ma nell’intera penisola si trovano tutte le specie che si usano in gastronomia. ItaliaTartufi è collocata in una zona strategica, nelle Marche, al confine tra Umbria, Toscana ed Emilia Romagna, dove è possibile raccogliere ogni specie di tartufo fresco tutto l’anno grazie alla particolare conformazione geografica del terreno, ricco di querce e lecci le cui radici ne favoriscono la crescita spontanea.

A seconda della stagione, in questo splendido territorio si trova:
il Tartufo bianco (Tuber Magnatum Pico) da settembre a dicembre,
il Tartufo uncinato (Tuber Uncinatum Chatin) da ottobre a dicembre,
il Tartufo nero pregiato (Tuber Melanosporum) da novembre a marzo,
il Tartufo moscato (Tuber Brumale varietà Moscatum Ferry) da gennaio a marzo,
il Tartufo bianchetto (Tuber Borchii o Tuber Albidum Pico) da gennaio ad aprile,
il Tartufo estivo (Tuber Aestivum) da maggio ad agosto.